Si chiude con una sonora sconfitta il campionato dei Marines

0

Domenica non c’è stato niente da fare per i nostri atleti contro una squadra motivatissima e ben allenata come i Rhinos Milano.

Gia’ dal riscaldamento si è capito l’andazzo con i biancocelesti in atteggiamento rilassato e un po’ distratto, con i pensieri all’estate e la voglia di lasciarsi alle spalle un campionato piuttosto sfortunato.

I Rhinos sono scesi a Roma con la grinta di chi vuole prendersi il campionato ed hanno giocato con i titolari in campo ed un redivivo Nick Ricciardulli davvero in grande spolvero.

Lo staff laziale ha lasciato a riposo tutti gli infortunati ed ha concesso ampio spazio sin dall’inizio ai giocatori che avevano visto meno il campo in stagione.

Il risultato finale, un pesantissimo 61 a zero, riflette le differenze viste in campo e rimanda il progetto Marines in ufficio, per ristrutturare e sistemare quanto quest’anno non ha funzionato, a cominciare dal trovare un quarterback, visto il disastroso rendimento dell’ultimo scelto.

Note positive, ancora una volta, Simone Cerini ed Alessio Sollevanti, davvero bravi e determinati.

Appuntamento comunque a breve, perchè la dirigenza ha deciso di non perdere tempo e di cominciare da subito a rimettere in carreggiata il team senior e continuare il buon lavoro sull giovanili.

Sempre domenica, Le Marines hanno subito una pesante sconfitta ad opera delle Underdogs; la partita e’ stata funestata da subito dall’infortunio a Isabella Pelonzi e Marisa Carosi, che ha privato la squadra di due titolari ed ha costretto ad un massacrante doppio ruolo il resto delle atlete.

Finisce 48 a zero ma la preoccupazione ora è recuperare prima possibile le infortunate perchè fra due settimane si va a casa delle Sealights e bisogna fare risultato.

Ufficio Stampa Marines Lazio

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here